fbpx

Al giorno d’oggi, la tecnologia ci permette di avere decine di informazioni molto precise sui nostri allenamenti. Avere tanti dati da confrontare non è sempre un vantaggio se non si sa come valutarli.

Per un preparatore atletico esperto divincolarsi tra tutte queste informazioni è come per un musicista leggere uno spartito musicale, ma per chi non è del mestiere il più delle volte diventa complicato.

Durante le sedute di personal coaching cerco di insegnare agli atleti a leggere e sfruttare i dati più rilevanti cosi da ottenere allenamenti mirati e permettere anche a loro di valutare i risultati raggiunti.

In questo articolo voglio condividere anche con te alcune indicazioni cosi da aiutarti a focalizzare le “note” più importanti del tuo Sport Watch.

Andatura

L’andatura nella corsa viene misura attraverso il passo al km, ovvero il tempo impiegato (o stimato) per percorrere un km. Andare a 6’ al km significa percorrere un km in 6 minuti. Per molti questa informazione è scontata però vi assicuro che non tutti tengono in considerazione questo dato.

 

Fonte: movescount.com

Come utilizzare l’andatura nei nostri allenamenti e nelle gare: 

– Come “PACE”, ovvero se vogliamo correre 10k in un’ora gestendo uno sforzo costante basterà andare mediamente a 6’ al km.

– Come limitatore, capita spesso che nei primi km essendo riposati si parta troppo forte. Tenendo sotto controllo il passo fin da subito riuscirai a gestirti meglio.

– Per valutare l’andamento dell’attività, ad esempio ci può aiutare a misurare le varie frazioni di una gara.

Frequenza Cardiaca

Questo a mio avviso è il dato più importante in assoluto, attenzione però a saperlo utilizzare.

Per prima cosa ci tengo a dire che sei vuoi monitorare la Frequenza Cardiaca durante gli allenamenti è fondamentale affidarsi ad una fascia cardio e non alla rilevazione al polso. Purtroppo al momento la tecnologia non è ancora affidabile e avere dei valori non attendibili diventa controproducente.

Altro fattore importante da tenere in considerazione è che la frequenza cardiaca è individuale e non è riconducibile ad età, sesso o altri fattori. Sarebbe sempre opportuno fare dei test per valutare le zone cardiache individuali.

 

Fonte: Polarflow.com

Detto questo, monitorare la frequenza cardiaca soprattutto in allenamenti di endurance è fondamentale per valutare il carico di lavoro, per gestire lo sforzo e per avere un parametro di confronto.

A seconda dell’obiettivo dell’allenamento monitorare l’intensità ci permette di allenare con precisione una determinato aspetto (capacità aerobica, soglia anaerobica, Vo2max, etc)

Cadenza

La cadenza, o frequenza di passo, indica il numero di passi che si effettuano in un minuto di corsa. Ormai è presente in quasi tutti gli Sportwatch, molte persone non prestano attenzione a questo dato che a mio avviso è fondamentale. 

 

Fonte: connect.garmin.com

Seppur variabile in base al soggetto e all’andatura sostenuta, una cadenza ottimale si attesta tra i 170 e i 180 appoggi, tale frequenza permette di diminuire il tempo di contatto a terra, l’oscillazione verticale e ridurre l’overstriding (appoggio errato del piede.)

Alcuni orologi misurano la cadenza per singola gamba in tal caso bisognerà moltiplicare x 2 (avere una cadenza di 90 passi al minuto mentre corriamo è impossibile).

Potenza, Oscillazione Verticale, Training Effect, Carico Allenamento

Esiste poi un’altra serie di informazioni che non approfondiremo in questo articolo, alcune perché sono di difficile interpretazione, altre ,come il carico di allenamento (o Training Effect), sono stime effettuate dal dispositivo non sempre attendibili.

Questo articolo è stato scritto per aiutare chi ancora non ha molta dimestichezza con gli SportWatch, ti assicuro che iniziare a prendere confidenza con queste variabili ti aiuterà a gestire meglio gli allenamenti.

Per i super “Nerd” dell’analisi dati magari ci sarà la possibilità attraverso il percorso di allenamento personalizzato o durante un nostro corso di approfondire anche tutte gli altri parametri e il loro utilizzo.

Come sfruttare al meglio il tuo SportWatch negli allenamenti
Tag:                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *