fbpx
Il metodo Run Walk Run, come dice il suo nome, è una metodologia di allenamento dove corsa e camminata vengono alternate con l’intento di portare il runner a percorrere più km e in alcuni casi a migliorare la sua performance in gara.
Questa strategia viene utilizzata già dall’antichità dall’essere umano, basti pensare alle tribù di cacciatori e raccoglitori che rincorrevano le loro prede fino allo sfinimento per moltissime ore, appunto alternando camminata e corsa, ed è stata resa popolare nel Running moderno dal coach americano Jeff Galloway negli anni 80’.

I Benefici del Run Walk Run:

  • Riduce la fatica, concedendo al corpo dei momenti di recupero durante l’attività
  • Riduce la tensione muscolare e il conseguente rischio di infortuni
  • Divide l’attività in segmenti più brevi, rendendola mentalmente più gestibile
  • Permette di aumentare la distanza e il volume di allenamento abbassando l’intensità

A cosa serve questo metodo:

Sostanzialmente è una strategia che permette di percorrere più km rispetto ad un’unica frazione di corsa.

Questo aiuta soprattutto i principianti ad iniziare a correre in maniera più sicura e meno traumatica.  Basti pensare ad un soggetto che si approccia per le prime volte alla corsa, per lui correre 5 frazioni da 1km intervallati da 1 minuto di cammino è sicuramente più sostenibile che affrontare 5km di corsa continua.  
Attenzione questa strategia non è solo per chi inizia a correre, ma può essere utilizzata anche da atleti evoluti per migliorare i propri allenamenti e le proprie performance in gara. Ad esempio è pratica comune gestire la frazione della Maratona nell’Ironman intervallando tratti di corsa e di cammino cosi da ridurre la fatica ed evitare crampi o traumi che potrebbero compromettere la conclusione la gara.

Principianti:

Consiglio di intervallare corsa e cammino prima di arrivare ad una sensazione di fatica. 
Meglio effettuare intervalli più corti, si potrebbe iniziare da un rapporto 1:1, ad esempio alternando 2’ di corsa a 2’ di cammino. Man mano che si migliora si andrà ad aumentare l’intervallo di corsa ed eventualmente ridurre il tratto di cammino.

Atleti più avanzati:

Consiglio di utilizzare i tratti di cammino per suddividere le fasi di riscaldamento, lavoro specifico e defaticamento. Oppure utilizzare la camminata per frazionare le uscite più lunghe inserendo ogni 20-30’ di corsa continua un piccolo intervallo di recupero.
La camminata concederà al corpo il tempo per recuperare da ogni fase e alla mente il tempo per prepararsi alla frazione successiva. 

Durante la Gara:

Durante le gare lunghe può essere utilizzato come strategia di risparmio energetico.
Ad esempio nella 100km del Passatore è una buona norma sfruttare i ristori posti ogni 5km per camminare approfittando per idratarsi e nutrirsi. Anche nei trail si può sfruttare la camminata nelle salite più ripide, cosi da tenere sotto controllo lo sforzo cardio-respiratorio.

Concludendo:

La camminata nel podismo viene molto spesso screditata, far camminare un runner esperto  è una pratica alquanto difficile. Purtroppo, questo vedere la camminata come un fattore di debolezza porta diversi atleti a gestire male gli allenamenti, ad aumentare il rischio di infortuni e spesso ad ottenere risultati più limitati in gara. 
Camminare quando necessario o quando strategicamente efficace non deve essere una vergogna ma un accorgimento tecnico che ci aiuti a migliorare i nostri risultati. 
Il Metodo – Run Walk Run

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *